Esce in edicola e online il 25esimo numero di Fabrique du Cinema, tra i più influenti magazine dedicato al mondo del cinema.

 

All’interno troverete un’intervista ai Red Bricks Foundation, band che abbiamo messo sotto contratto da poco tempo e già ci stanno regalando tantissime soddisfazioni. Per chi ancora non li conoscesse, i RBF hanno sonorità brit-rock; look e presenza scenica che rimandano alla scena underground londinese anni ’70; una commistione di generi che crea un sound unico in Italia.


Red Bricks Foundation


I Red Bricks Foundation, dopo aver incendiato il palco della passata stagione di XFactor, tornano in una veste completamente rinnovata.

Nell’intervista, il leader Lorenzo Sutto, esalta il concetto di rock come la più alta forma di ribellione, aggiungendo che, negli ultimi anni: “La rockstar la stanno facendo tutti, tranne quelli che fanno rock”.

Presente nella doppia pagina anche un’intervista ad Alessio Rupalti, giovane regista italiano che da circa un anno e mezzo ha deciso di trasferirsi a Londra affermando però, di non definirsi un vero e proprio “cervello in fuga” bensì un “cervello in trasferta”, visti i suoi progetti in cantiere in Italia.


Alessio Rupalti


Nell’ intervista, Alessio Rupalti, ci racconta il percorso che lo ha portato ad essere il regista che è diventato; ci racconta di quando era poco più che un bambino e di come è iniziata la sua carriera per poi arrivare a svelarci qualche dettaglio del suo nuovo lungometraggio che affronterà una tematica delicata come quella del mobbing.